INDICE Newsletter  A.P.R.I.  n. 52/2020 – Lunedì 28 Dicembre: 

1 – PREMIAZIONE CONCORSO LETTERARIO “OCCHI APERTI”

2 – SCIENZA: CELLULE RETINICHE RICAVATE DALLA PELLE

3 – SPECCHIO DEI TEMPI: INCONTRO CON ANGELO CONTI

4 – TORINO: CONCLUSO IL CORSO DI BRAILLE

5 – GRUGLIASCO: INAUGURATA L’AREA GIOCHI “LOUIS BRAILLE”

6 – LUTTO

7 – OCCHI APERTI N. 36: IL PITTORE JOHN BRAMBLITT

8 – AUGURI DI BUON ANNO!

N.B. – Prima di passare alle notizie ufficiali della news-letter ci permettiamo di rinnovare l’appello in favore della raccolta fondi online denominata “Crescere ad Occhi Aperti”!. Vi preghiamo di diffondere il link e di farla conoscere il più possibile. Ecco quì sotto il collegamento:

Https://www.produzionidalbasso.com/project/crescere-ad-occhi-aperti/

1 – PREMIAZIONE CONCORSO LETTERARIO “OCCHI APERTI”

Se la situazione sanitaria lo consentirà organizzeremo, per la mattinata di sabato 9 gennaio 2021, alle ore 10, la Premiazione ufficiale del Concorso Letterario “Occhi Aperti” svoltosi nell’estate 2020. Si tratta di un evento che vuole essere di buon auspicio all’inizio del nuovo anno. L’iniziativa si svolgerà in modalità telematica con la presenza fisica dei soli vincitori e di alcuni altri soci che presenteranno i loro libri di recente pubblicazione. Ci sarà dunque un collegamento in diretta dall’aula magna della nostra sede centrale. Chi fosse interessato a collegarsi si dovrà necessariamente prenotare scrivendo una email al seguente indirizzo: guida@ipovedenti.it . I filmati dell’evento saranno comunque successivamente caricati sul nostro canale Youtube.

2 – SCIENZA: CELLULE RETINICHE RICAVATE DALLA PELLE

I ricercatori della Nord Texas University hanno recentemente pubblicato un interessante articolo sulla prestigiosa rivista scientifica “Nature” nel quale illustrano alcuni risultati relativi all’impianto autologo di cellule staminali negli spazi sub-retinici. Lo studio, per ora, è stato effettuato soltanto sui topi. Le cellule staminali sono fibroblasti ricavati dal tessuto connettivo cutaneo. Dopo una lunga è complessa trasformazione si sono ricavati, da tali cellule, dei fotorecettori molto simili ai bastoncelli. Successivamente al trapianto si è inoltre notato che alcuni di questi simil-bastoncelli sarebbero sopravvissuti e si sarebbero interconnessi con le altre cellule nervose. Non sembra tuttavia che il numero di questi successi sia molto alto. I topi avrebbero infatti recuperato solo la capacità di distinguere la luce dal buio. Resta tuttavia un filone di ricerca molto promettente e suscettibile di ulteriori approfondimenti.

3 – SPECCHIO DEI TEMPI: INCONTRO CON ANGELO CONTI

Venerdì 18 dicembre si è svolto un importante incontro telematico fra una delegazione di APRI-onlus ed il presidente della Fondazione Specchio dei Tempi dott. Angelo Conti. La nostra associazione era rappresentata dal presidente Marco Bongi, dalla vice-presidente Dajana Gioffrè e dal consigliere Luca Colombo. La Fondazione Specchio dei Tempi è una struttura nazionale che fa riferimento al quotidiano La Stampa. Nel corso del colloquio, molto pratico e concreto, si sono ipotizzate alcune possibilità progettuali e si sono approfondite le priorità di intervento fatte proprie dal Consiglio di Amministrazione della fondazione. APRI-onlus si muoverà dunque lungo queste linee guida e proporrà, nel corso del 2021, alcuni interventi molto specifici, come del resto è già avvenuto negli anni passati.

4 – TORINO: CONCLUSO IL CORSO DI BRAILLE

Nella mattinata di sabato 19 dicembre, presso la nostra sede centrale di via Nizza 151 a Torino, si è concluso il corso di alfabetizzazione Braille rivolto agli insegnanti delle scuole pubbliche torinesi. L’iniziativa, riconosciuta ufficialmente dal MIUR, ha avuto una durata complessiva di quaranta ore ed è stata organizzata in collaborazione con IERFOP. Dopo il superamento della prova finale, tutte le dodici allieve hanno conseguito l’attestato di frequenza. Il corso si è tenuto parzialmente, per alcune settimane, in modalità telematica a causa dell’emergenza sanitaria. Ciononostante i risultati sono stati ampiamente positivi e si pensa già di riproporre l’attività formativa nel 2021.

5 – GRUGLIASCO: INAUGURATA L’AREA GIOCHI “LOUIS BRAILLE”

L’amministrazione comunale di Grugliasco, a tempo di record rispetto alla nostra richiesta ufficiale protocollata solo il 18 settembre u.s. , ha deliberato di intitolare al grande educatore francese Louis Braille un’area giochi inclusiva per bambini che si trova all’interno del parco pubblico Porporati. Il sito, per essere più precisi, è collocato fra la via Giovanni Lupo e viale Echirolles. Venerdì 18 dicembre, sia pur in tono minore a causa della pandemia, si è svolto sul luogo un momento ufficiale di inaugurazione alla presenza del sindaco Roberto Montà, degli assessori Elisa Martino ed Emanuele Gaito, nonchè del presidente APRI-onlus Marco Bongi. L’area contiene anche giochi sonori ed altri comunque accessibili per i bambini con disabilità visiva. Nei prossimi mesi, nella speranza di poter organizzare una festa più pubblica ed ad ampio respiro, verrà collocato in loco anche un pannello tattile con la rappresentazione dell’alfabeto Braille. Ringraziamo ovviamente il primo cittadino Roberto Montà e tutta l’amministrazione comunale per questo gesto di attenzione e squisita solidarietà. Sul posto, nel giorno dell’inaugurazione, è stato inoltre registrato un video che documenta l’evento. Per visionarlo cliccate quì sotto:

6 – LUTTO

Abbiamo appreso con ritardo della scomparsa, avvenuta martedì 8 dicembre, del nostro caro socio Mauro Mantovani di San Mauro Torinese. Mauro è stato purtroppo stroncato dal Covid-19 all’età di soli 54 anni. Lavorava, nonostante i suoi gravi problemi di vista, come soccorritore presso la locale sezione della Croce Verde. Per questi problemi di lavoro si era in più occasioni rivolto alla nostra associazione. Lo ricordiamo con grande affetto e ci uniamo al profondo dolore della moglie.

7 – OCCHI APERTI N. 36: IL PITTORE JOHN BRAMBLITT

John Bramblitt nasce in America nel 1971.

A seguito di un forte attacco epilettico che lo colpisce nel 2001 perde la vista.

Come spesso accade in queste circostanze, l’animo umano viene duramente colpito e John si chiude in un mondo tutto suo allontanandosi da parenti ed amici.

Cade in depressione ed i suoi sogni si frantumano.

Fortunatamente un profondo interesse per l’arte riesce a scuotere i suoi sensi.

Impara così a riconoscere le vernici attraverso il tatto. Tramite la visualizzazione tattile riesce a dipingere sulla tela i soggetti creati dalla sua mente. Riesce persino a delineare perfettamente soggetti che non ha mai visto quali sua moglie e suo figlio. Le sue opere hanno il pregio di donare a chi le osserva una sorta di benessere. La sua arte è solare e rasserenante. Questo pittore non vede i suoi dipinti, ma li sente!

“Quando ho cominciato, era come se stessi cercando di gettare la mia cecità indietro, di vedere oltre, nel volto di Dio…”. Dichiara John. Bramblitt ha poi sviluppato una tecnica grafica consona a persone non vedenti diffusa con il nome di “Stile Bramblitt”.

John Bramblitt insegna ai bimbi non vedenti a dipingere, spronandoli dolcemente a superare la loro disabilità e trasmettendo così la gioia di poter creare.

La scrittrice Helen Keller scrisse: “Noi tutti, vedenti e non vedenti, ci differenziamo gli uni dagli altri non per i nostri sensi, ma per l’uso che ne facciamo, nell’immaginazione e nel coraggio con cui cerchiamo la conoscenza al di là degli stessi.”

Attualmente John Bramblitt gode di fama internazionale ed i suoi dipinti si annoverano fra quelli che emanano una luminosità che accarezza il cuore.

John ha così dimostrato al mondo intero come, dal tormento e dal rancore nei confronti di una vita profondamente ingiusta, si possa sprigionare un’energia così potente da indurti a cimentarti in qualcosa di apparentemente folle.

Il messaggio di John è: “Non vedi? Allora dipingi!”.

Alessandra Alasia

8 – AUGURI DI BUON ANNO!

E’ passato così il S. Natale: speriamo sinceramente che ciascuno dei nostri affezionati lettori lo abbia potuto trascorrere in serenità e letizia. Facciamo tuttavia in tempo, a nome di tutta l’associazione, per rinnovare a tutti i nostri più sentiti auguri di Felice Anno Nuovo 2021! Lo facciamo con tutto il cuore nella speranza che la crisi sanitaria venga presto superata e tanti altri avvenimenti positivi possano ad allietare i singoli, le comunità e le famiglie.

Per formulare domande o esprimere valutazioni agli estensori del notiziario scrivere alla seguente email: bongi@ipovedenti.it